Le strade panoramiche

Così come già detto per quel che concerne le scalinate, la particolare morfologia del territorio ha reso indispensabile la costruzione di strade che collegassero il centro storico e la piana della Spezia con le alture circostanti ed i nuclei collinari.

Nell’ultimo secolo si è creata l’esigenza di riqualificare ed ampliare le antiche mulattiere, poiché lo sviluppo edilizio non è stato più circoscritto alla sola pianura e, l’economia ed il turismo, han reso necessario dei collegamenti veloci ed agevoli con la val di Vara e con le Cinque Terre. Queste strade, oltre ad avere una grande rilevanza sociale ed economica, hanno una valenza paesaggistica di rilievo, in quanto offrono al passante una splendida visione sull’intero arco del Golfo dei Poeti, per poi spaziare sulle alture extraprovinciali delle Alpi Apuane per arrivare sino alle pendici dell’Appennino Tosco – Emiliano.

Via Genova

VÈ l’antica via che , in prosecuzione di via del Prione, conduceva alla val di Vara e quindi a Genova. Il suo percorso è stato in parte ridotto in quanto la prima parte della toponomastica è stata cambiata, è infatti via fiume attualmente l’appendice di via del Prione che, dopo aver attraversato gli abitati della Scorza e di Fossitermi, si congiunge con via Genova in prossimità dell’inizio del quartiere della Chiappa.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Via San Francesco

La via, ex militare, prende il nome dal Santo per la presenza della chiesa e del relativo convento che sorge a Gaggiola ed appartenente all'ordine dei Francescani; la via ha assunto questo nome nel 1927 per onorare la memoria del Santo nel VII centenario della morte.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Via Parodi

La via è così chiamata in quanto il suo tracciato si snoda lungo la collina che chiude ad occidente la piana alluvionale della Spezia, ed alla cui sommita si erge il relativo monte che, con i suoi 659 metri di altezza, è uno dei più alti del comune.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Via di Murlo

La costruzione di questa strada, collegante il quartiere di Pegazzano con la frazione del Vignale, è stata deliberata dal consiglio comunale nel settembre del 1958 per essere inaugurata nel maggio del 1960.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Via XXVII Marzo

Via XXVII Marzo scorre parallela a via XX Settembre e via dei Colli ed attraversa la collina ad oriente della città, a metà costa, sottolineando col suo andamento la morfologia dell'altura. Uno dei punti più avanzati sulla città è quello sulla cui costa sorge il castello San Giorgio, uno dei pochi elementi antichi di una città moderna ed elemento paesaggistico di notevole rilevanza.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Via Cinque Terre

La via, che inizia da viale Fieschi e che finisce al confine col comune di Riomaggiore, ha assunto tale denominazione in quanto questa è la strada che conduce a Riomaggiore, primo paese, partendo da oriente, dei borghi facenti parte delle Cinque Terre.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Via Montalbano

Questa strada è un'autentica cornice sulla parte orientale del golfo spezzino. Si snoda lungo le alte colline del golfo con grandi colpi d'occhio sulla città e sulle borgate rivierasche. In passato era una strada di arroccamento, costruita per il servizio dei forti ottocenteschi, integrata oggi con altre strade che hanno dato luogo ad una serie di costruzioni e di ville; queste hanno finito con l'ingigantire gli antichi nuclei rurali, che, a loro volta, si sono sempre più integrati con le propagini più periferiche della città.

MAGGIORI INFORMAZIONI